Verbale delle attività svolte nella riunione del GdL SISEF pianificazione forestale tenutasi a Bologna il 28 giugno 2018

Alla riunione hanno partecipato in totale 22 persone fra cui tecnici regionali, liberi professionisti e ricercatori.

La riunione è stata organizzata in due parti.

Nella prima ciascuno ha espresso le motivazione che lo hanno portato a partecipare e i temi che secondo lui dovrebbero essere affrontati.

Nella seconda parte è stata fatta una sintesi e sono stati definiti i temi principali assegnando un ordine di priorità e individuando delle possibili azioni del GdL da realizzare a breve termine ed i relativi responsabili.

Chi è interessato a partecipare ai lavori di un’azione o anche solo di essere informato al riguardo, comunichi al responsabile la sua disponibilità/interesse.

 

Azioni del GdL

  1. Sintesi della normativa pianificatoria e delle caratteristiche dei piani nelle regioni
    Resp.: Ferretti, Cantiani (fabrizio.ferretti@crea.gov.it, paolo.cantiani@crea.gov.it) 
  2. Analisi dei piani forestali di indirizzo territoriale con le Regioni: a cosa servono, quali contenuti, regole di redazione (con questionario preliminare), sinergie con piani AIB e piani di prevenzione del rischio, workshop
    Resp.: Vacchiano (gvacchiano@gmail.com) 
  3. Elaborazione di proposte di modifica o integrazione di aspetti del TUF e/o decreti attuativi per DG foreste – es. Boschi vincolati ex art. 136 Cod.Paesaggio: dove e come sono definiti gli interventi ammessi (PPR o PFIT)?
    Resp.: Tonetti (roberto_tonetti@regione.lombardia.it) 
  4. Monitoraggio dei piani di III livello: grado di applicazione, % di legno utilizzata proveniente da sup. assestata, % di ripresa effettivamente utilizzata, loro obiettivo reale, coerenza con il livello superiore, grado di partecipazione degli stakeholder, cause di mancata applicazione, capacità di individuare e correggere gli errori (programmi di monitoraggio in essere o da proporre, es. logical framework)
    Resp.: Bertani (bertani@rdmprogetti.it) 
  5. Analisi delle possibilità di includere i servizi ecosistemici nei piani: a che livello? Come? Quali indicatori? È in contraddizione con gli schemi volontari?
    Resp.: Paletto (alessandro.paletto@crea.gov.it) 
  6. Workshop dei formatori (universitari e regionali) per individuare una programmazione didattica comune e casi di successo
    Resp.: Portoghesi (lporto@unitus.it) 
  7. Proposta di sistema informativo regionale/nazionale (online?) per la redazione e inserimento dei piani e dei dati (cfr. esperienze ProgettoBosco, Prov. Trento)
    Resp.: Bertani, Ferretti (bertani@rdmprogetti.it, fabrizio.ferretti@crea.gov.it)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.